PISTOIA – Sportello Di Ascolto Psicologico

//PISTOIA – Sportello Di Ascolto Psicologico

PISTOIA – Sportello Di Ascolto Psicologico

La scuola, insieme alla famiglia, in quanto agenzia di formazione e socializzazione, riveste un importante ruolo all’interno della vita dei ragazzi sulla quale far leva per promuovere il loro benessere in un’ottica biopsicosociale.

Essa, infatti, non può essere solo luogo dove avviene la pura e semplice trasmissione di nozioni, al contrario, favorendo esperienze relazionali con adulti e coetanei, si propone come un ottimo spazio nel quale permettere ai ragazzi di prendere contatto con la propria vita emotiva e come un’opportunità per accrescere le loro capacità comunicative e decisionali. Molte delle esperienze che i ragazzi si trovano a vivere in questa realtà si tramutano in occasioni di crescita, altre invece potrebbero produrre contrasti, disagi, sofferenze.

L’idea di proporre uno Sportello di Ascolto Psicologico nasce dunque con l’intento di offrire agli studenti che ne facciano richiesta uno spazio adeguato e protetto nel quale poter esprimere le proprie sensazioni, le proprie emozioni e conflittualità legate a questa particolare fase della vita.

Gli alunni avranno l’opportunità di avvalersi della consulenza e del sostegno di un esperto che potrà aiutarli nella gestione di difficoltà scolastiche e relazionali, offrendo loro l’opportunità per affrontare e risolvere problematiche inerenti la crescita, gli insuccessi, la dispersione scolastica o altre più strettamente connesse al periodo adolescenziale come la sessualità, i rapporti amicali e le relazioni familiari.

Lo sportello rappresenta quindi un’occasione per ogni ragazzo di avvicinarsi ad una preziosa figura d’aiuto, lo Psicologo appunto, che all’interno di questo contenitore può far sperimentare loro il piacere e il valore della riflessione su di sé attraverso la guida di un esperto.

Ponendosi in un’ottica preventiva, tale intervento sarà utile sia per individuare eventuali situazioni di rischio sia per procedere ad un’analisi dei bisogni dei ragazzi che consenta di avere un quadro più chiaro della comunità scolastica. Nel caso dovessero emergere problematiche di maggior rilevanza, lo psicologo si occuperà di indirizzare lo studente presso un Servizio adeguato al proseguimento del lavoro. Il servizio resta comunque aperto anche ad insegnanti, genitori e operatori scolastici che ne facciano richiesta, nell’ottica di coinvolgere in modo sinergico e integrato tutte le figure che gravitano intorno ai ragazzi. In particolare potrà rivelarsi molto utile per i genitori supportandoli e guidandoli nella riflessione e nel superamento delle problematiche educative e per gli insegnanti offrendo loro supporto e consulenza in relazione a casi particolari o situazioni complesse presenti nelle classi.

Lo Sportello Di Ascolto non si delinea come un percorso psicoterapeutico, bensì offre, attraverso una serie di incontri, una consultazione psicologica breve finalizzata a ri-orientare l’adolescente in difficoltà, aiutandolo a focalizzarsi sulle soluzioni attuabili, a riscoprire le proprie potenzialità e ad uscire da alcuni momenti di difficoltà che causano sofferenza e confusione collaborando a tal fine anche con genitori e insegnanti.

Obiettivi e destinatari del progetto

Il Servizio si propone di fornire un punto di riferimento per L’istituzione Scolastica nel suo insieme, ed è pertanto aperto non solo ai ragazzi compresi tra i 6 e i 14 anni ma anche a tutti gli adulti, genitori e corpo docente, che sentano l’esigenza di confrontarsi sulle problematiche vissute a scuola nel rapporto con i bambini e gli adolescenti.

Lo Sportello di Ascolto psicologico si propone dunque di:

  • creare un’opportunità di riflessione per i ragazzi;
  • promuovere negli studenti la motivazione allo studio e la fiducia in sé;
  • creare uno momento significativo di incontro attraverso l’ascolto e lo sviluppo di una relazione d’aiuto, allo scopo di educare alla salute e prevenire il disagio;
  • collaborare con le famiglie e il corpo docente alla prevenzione del disagio e della dispersione scolastica;
  • rappresentare un’occasione di formazione per i genitori al fine di potenziare le loro capacità comunicative e relazionali con i figli;
  • fornire al corpo docente indicazioni psicopedagogiche da integrare nelle attività curriculari.

Gli incontri presso lo Sportello, avranno luogo nell’Istituto durante l’orario scolastico. Tale servizio è strutturato sul modello dei colloqui individuali e verrà attivato per la durata di tre ore a cadenza settimanale, a seconda delle esigenze dell’utenza.

I giorni e le ore, che saranno concordati con la direzione scolastica, si preferisce che vengano mantenuti costanti, per poter dare maggior continuità e stabilità al servizio. La modalità di prenotazione resta da stabilire.

Gli operatori del servizio psicologico si rendono quindi disponibili al confronto anche con insegnanti e genitori, al fine di affinare e sperimentare modalità relazionali e comunicative più efficaci e funzionali al benessere degli allievi.

Oltre ai colloqui individuali, il servizio offerto dall’istituto può prevedere, laddove i docenti ne vedano l’esigenza, uno spazio dedicato a incontri di gruppo nelle classi gestiti con il metodo del circle time allo scopo di prendere coscienza di sé, dell’altro e di discutere apertamente di problematiche tipiche della fase di sviluppo vissuta dai ragazzi consentendogli di entrare in contato con le loro emozioni e i loro sentimenti.

Lo Psicologo Scolastico, dunque, è a disposizione degli studenti, dei genitori e degli insegnanti che desiderino un confronto con un esperto di relazioni e comunicazione tenuto al segreto professionale.  Il colloquio si pone dunque come uno spazio per aiutare il ragazzo a individuare i problemi e le possibili soluzioni, collaborando con insegnanti e genitori al fine di garantire un intervento educativo integrato.

Responsabile del progetto

Dott. Luca Napoli

 

 

L’equipe dello Studio Napoli, insieme all’Istituto di Psicoterapia Psicoumanitas da anni opera nelle scuole grazie ad un attivo gruppo di lavoro attento alle problematiche scolastiche.

Psicologi dello Sviluppo, Psicoterapeuti e Specializzandi in psicoterapia negli anni hanno realizzato sul territorio pistoiese e romano interventi in molti istituti ed in virtù delle diverse esperienze fatte nelle varie realtà scolastiche hanno acquisito un ottimo livello di formazione ed efficienza nella realizzazione di un ampia serie di interventi:

Alunni

  • Focus group, uno spazio in cui discutere e confrontarsi su tematiche comuni;
  • Attività di gruppo in classe centrati sulla mediazione dei conflitti; tali incontri prevedono l’utilizzo di tecniche quali il Circle Time ed il Role Playing che hanno come presupposto l’educazione socio-affettiva e l’educazione tra pari;
  • Percorsi specifici per aiutare i ragazzi nell’uso degli strumenti compensativi e delle strategie di apprendimento utili nei casi di disturbi specifici dell’apprendimento, handicap, multiculturalità e calo della motivazione allo studio;
  • Laboratori creativi ed espressivi volti ad acquisire una maggior consapevolezza delle proprie e delle altrui emozioni; ampliare il proprio vocabolario affettivo imparando a riconoscere e differenziare le emozioni; utilizzare con creatività diversi canali comunicativi per esprimere le emozioni. Questo percorso è volto al potenziamento delle capacità che rientrano nella sfera dell’Intelligenza Emotiva al fine di favorire un miglior rendimento scolastico attraverso una maggior consapevolezza delle proprie risorse e una miglior competenza comunicativo relazionale;
  • Percorso di Orientamento Scolastico-Professionale rivolto nello specifico agli alunni delle classi terze, articolato in più fasi: Focus Group sul tema dell’Orientamento scolastico-professionale volto alla sensibilizzazione al tema della scelta e della progettazione personale del futuro scolastico e lavorativo; Somministrazione del Test “Optimist – Portfolio per l’orientamento nella scuola media secondaria di primo grado”; Confronto tra docenti di riferimento e psicologi circa  profili emersi dal test; Restituzione dei risultati e discussione con insegnanti, alunni e genitori.

Genitori

  • Incontri di sensibilizzazione e rielaborazione di gruppo di problematiche emergenti per guidare e supportare le famiglie nella riflessione e nel superamento delle difficoltà che si verificano quotidianamente nella relazione genitore-figlio, attribuibili in parte alle differenze generazionali e in parte al diverso stile comunicativo;
  • Incontri specifici per migliorare lo stile comunicativo familiare;
  • Conferenze sulla genitorialità.

Docenti

  • Momenti di consulenza e supporto in relazione a situazioni critiche presenti nelle singole classi;
  • Momenti di Formazione secondo il metodo dell’educazione socio-affettiva per riflettere sugli atteggiamenti relazionali, per arricchire la professionalità degli insegnanti rendendo il loro stile educativo più efficace;
  • Seminari su temi specifici quali i Disturbi Specifici dell’Apprendimento, la Comunicazione Efficace, la Gestione del Sé e dei Rapporti Interpersonali proposti nell’ottica di una formazione continua, con l’obiettivo di potenziare ad accrescere le competenze professionali del corpo docente.

 

E’ importante sottolineare che questi interventi rappresentano un ventaglio di opzioni attuabili ma non standard. Le varie attività possono di fatto essere selezionate e articolate in diversi percorsi di crescita psicologica e relazionale in base alle richieste e ai bisogni emergenti dei singoli gruppi classe. Inoltre, la nostra equipe è disponibile al confronto con i responsabili del corpo docente per poter discutere su eventuali altre alternative o per pianificare, in loro collaborazione, nuove proposte che rispondano in modo specifico alle esigenze della realtà scolastica dell’Istituto.

By | 2019-02-16T15:34:12+02:00 Febbraio 16th, 2019|Progetti|0 Comments

About the Author: